Bere caffè è un atto d’amore verso il nostro fegato

caffe-fegato

Le malattie epatiche sono più diffuse di quanto si pensi (solo in Europa ne soffrono più di 29 milioni di persone), addirittura l’epatopatia cronica è la quinta causa più comune di decesso.

Esiste una bevanda che diversi studi scientifici segnalano come utilissima a prevenire varie patologie epatiche: il nostro amatissimo caffè.

In particolare, gli ultimi risultati della ricerca in questo ambito sono stati esposti ad una tavola rotonda dal titolo Looking after the liver: coffee, caffeine and lifestyle factors svoltasi a Londra, le cui conclusioni sono di indubbio interesse.

Innanzi tutto è stato sottolineato come i consumatori di caffè abbiano probabilità potenziali ridotte di contrarre la cirrosi e altre malattie epatiche croniche rispetto a chi non ne beve – in una percentuale che va dal 25 al 70%.

Il consumo di questa straordinaria bevanda, amatissima in Italia, ridurrebbe anche il rischio di contrarre il cancro al fegato del 40%. Concorde su questo importantissimo punto anche l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) che dopo aver inserito il caffè in classe 3, ovvero – non classificabile come cancerogeno per l’uomo -, ha rimarcato come berlo riduca il rischio di sviluppare il carcinoma al fegato.

Il caffè fa bene al fegato dunque; è una bella e importante riabilitazione per una bevanda fino a pochi anni fa bistrattata perché nociva alla salute. Se poi il caffè è buono e di qualità come quello di Che amor di caffè voler bene al proprio fegato diventa davvero un piacere… 😉

Non sei ancora nostro cliente? Acquista il kit Casa di Che Amor di Caffè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Non perdere le nostre promozioni!

Rimani aggiornato su tutte le ultime news e le nostre offerte esclusive.
NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!